Internal measures implemented by CAB following the Decree of the President of the Council.

Following the Decree of the President of the Council of Ministers (DPCM) from the 11/03/2020, CAB has implemented an internal protocol to protect the health of each of its employees and collaborators and guarantee production continuity.

Here are some of the measures we have put in place:

  • Limited access within our offices and production plant to employees only and to vehicles for loading and unloading goods. Personnel conducting means of transport can therefore access our company, limited to the needs of delivery or collection of goods. In this regard, we have adopted preventive and precautionary measures against carriers and customers who must go to our warehouse, conforming to the DPCM.
  • Monitoring of the body temperature of each employee, twice a day, with the obligation to return to his or her home if the temperature exceeds 37.5 ° C;
  • Obligation to wear individual mask and gloves throughout the working day;
  • Sanitization of all our environments with the treatment of ozone, a powerful oxidant that destroys bacteria, viruses, fungi and other organic agents with great efficacy. Not leaving any secondary chemical residue, the ozone cleaning system is absolutely ecological, in Italy it has been recognized by the Ministry of Health (protocol No. 24482 of 07/31/1996);
  • Sanitizing gel dispensers available in each department;
  • Self certification for each employee in order to allow him or her to commute from home to the company for proven work needs;
  • Organization of shifts for the management of the lunch break with limited access to the lunch room so as to always guarantee at least one meter of interpersonal distance;

CAB has a very important workload from the beginning of this year 2020 and cannot slow down its activities even in front of this international situation. We confirm that these measures will in no way limit our normal production and commercial activities, nor the previously agreed delivery dates.

Protocollo interno attuato da CAB a seguito del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

A seguito del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) dell’11 marzo 2020, CAB ha implementato un protocollo interno per proteggere la salute di ciascuno dei suoi dipendenti e collaboratori e garantire la continuità della produzione.

Ecco alcune delle misure che abbiamo messo in atto:

  • Limitato accesso all’interno dei propri stabilimenti solo ai dipendenti ed a automezzi per carico e scarico merci.
    Il personale che conduce mezzi di trasporto può quindi accedere alla nostra azienda, limitatamente alle esigenze di consegna o ritiro delle merci. A tal riguardo abbiamo adottato misure di prevenzione e di cautela nei confronti di vettori e clienti che devono recarsi nel nostro magazzino, così come disposto dal Decreto.
  • Monitoraggio della temperatura corporea di ogni dipendente, due volte al giorno con obbligo di tornare nella propria abitazione in caso di temperatura superiore a 37,5 °C;
  • Obbligo di indossare una mascherina e dei guanti individuali durante tutto l’arco della giornata lavorativa;
  • Sanificazione di tutti i nostri ambienti con il trattamento dell’ozono, potente ossidante che permette di distruggere con grande efficacia batteri, virus, funghi e altri agenti organici. Non lasciando alcun residuo chimico secondario, il sistema di pulizia all’ozono è assolutamente ecologico, in Italia è stato riconosciuto dal Ministero della Sanità (protocollo n°24482 del 31/07/1996);
  • Distributori di gel igienizzante a disposizione in ogni reparto;
  • Auto certificazione per ciascun dipendente al fine di permettergli di circolare dalla sua abitazione all’azienda per comprovate esigenze lavorative;
  • Organizzazione di turni per la gestione della pausa pranzo con accesso limitato al locale mensa in modo da garantire sempre almeno un metro di distanza interpersonale;

CAB ha un carico di lavoro molto importante dall’inizio di quest’anno 2020 e non può rallentare le sue attività anche di fronte a questa situazione internazionale. Confermiamo che tali misure non limiteranno in alcun modo la nostra normale operatività produttiva e commerciale, né le date di consegna precedentemente concordate.